Elisa Michelon

«Mia mamma, appassionata di ginnastica fin da giovane, decise di farmi provare l’aritistica. Così, all’età di 5 anni mi portò in palestra: un ambiente che mi appassionò fin da subito.

I primi ricordi li ho da quando mi allenavo nella palestra interrata del complesso comunale di Abano Terme con la “5 Cerchi”, società che ha visto muovere i miei primi passi verso l’agonismo, raggiunto l’anno successivo.

Il 2005 fu un anno di cambiamento: d’accordo con la nostra allenatrice decidemmo che la nostra squadra poteva ambire a categorie più alte e che rientravano maggiormente nelle nostre capacità; così passammo al Corpo Libero Gymnastics Team, dove ho avuto grandi soddisfazioni.

L’anno sportivo 2015/16 è stato il mio primo anno di insegnamento, nel quale ho tenuto le prime leve e un gruppo di ragazze di  11/12 anni che hanno fatto GPT.

Cerco di insegnare loro quello che ho imparato dalle allenatrici nei miei 16 anni di esperienza da ginnasta, con l’aggiunta di qualche “trucco del mestiere”!»

Cosa rappresenta per te la società Corpo Libero Gymnastics Team?

«Il Corpo Libero Gymnastics Team non è solo una società che oggi mi da la possibilità di insegnare, ma anche una seconda famiglia grazie alle numerose persone fidate che si trovano all’interno e alle figure che mi hanno fatto crescere, non solo dal punto di vista sportivo, ma anche caratterialmente».

 

Attrezzo preferito?

«Il mio attrezzo preferito è Trave, perchè gli elementi sono generealmente più semplici rispetto agli altri attrezzi e perchè nel momento della competizione bisogna essere concentrati e lucidi nell’eseguire il proprio esercizio».

 

Un aggettivo per descrivere il lavoro di allenatore.

«Per me l’aggettivo più adatto al lavoro di allenatore è “completo”: si cresce insieme all’alteta sia dal punto di vista tecnico sia caratteriale e il lavoro è appagnate e soddisfacente».

 

Qual è la cosa più importante per un ginnasta?

«Secondo me la cosa più importante per la crescita di un ginnasta è la voglia e la capacità di mettersi in gioco in ogni momento, puntando a migliorarsi».

 

Hai desideri per il tuo futuro in Corpo Libero Gymnastics Team?

«In un futuro desidererei prendere per mano una squadra e farla crescere».

 

Se dovessi tornare ginnasta, cosa vorresti imparare?

«Vorrei realizzare i 3 avvitamenti indietro a corpo libero!»

 

Elisa Michelon