PRIMA PROVA SERIE A MASCHILE E FEMMINILE: AD AREZZO SI PRENDONO LE MISURE. PROSSIMA TAPPA, MILANO

Sabato 3 Marzo presso il palazzetto allestito alla fiera di Arezzo si è svolta la prima tappa del Campionato di Serie A maschile e femminile.
Una formula un po’ diversa quest’ anno: in un’ unica gara si sono sfidate tutte le 24 squadre militanti in serie A per designare, alla fine delle tre prove, le otto squadre che comporranno la Serie A1,  A2 e la Serie B1.

Il Corpo Libero Gymnastics Team ha schierato in campo gara sei ginnaste di casa, senza prestiti, per mettere in evidenza il lavoro che Michela Francia e il suo staff hanno fatto in questi mesi, coltivando le allieve fino al passaggio alla categoria junior.
La squadra infatti è molto giovane: oltre alle senior Sara Ricciardi(1996) e Lisa Nascimben(1999) sono scene in campo gara Adua Dalla Mutta, Gaia Nizzetto (classe 2005), Elisa Bizzotto e Giada Villatora (classe 2004).

La gara è stata molto veloce: soltanto otto minuti di riscaldamento all’attrezzo prima della gara, per 2 minuti a ginnasta.
Questo sistema così veloce ha portato la squadra a commettere diversi errori. «Me lo aspettavo» – ci riferisce la responsabile del settore femminile del Corpo Libero Gymnastics Team, Michela Francia, «non è facile abituarsi a questo sistema, nonostante si sia provato nelle diverse prove gara in allenamento; è difficile soprattutto per le atlete ancora così giovani e inesperte».

Un tredicesimo posto che vede la società patavina rientrare nelle prime sedici squadre, quindi rimanere virtualmente nel circuito di Serie A.

«Il programma è ancora in fase di assimilazione, ma sono molto fiduciosa verso questa giovane squadra che ha grandi margini di miglioramento per le prossime prove. Ho scelto di lasciare gli esercizi con tutte le difficoltà; non abbiamo presentato esercizi ridotti facendo tattica, ma ho preferito che le ginnaste prendessero le misure con i loro esercizi completi».

In grande evidenza l’esercizio a trave di Elisa Bizzotto, che presenta la serie rondata e un avvitamento teso e la serie ruota senza mani e due salti smezzati. Molto particolare anche la serie di Gaia Nizzetto, composta da una ribaltata a due e salto avanti.
Si è messa ben in evidenza al volteggio Giada Villatora, dove ha presentato per la prima volta uno yurcenko con un avvitamento.
Buon apporto alla squadra anche di Adua Dalla Mutta, new entry in questo circuito di gare, che si dimostra concentrata e determinata nonostante la sua giovane età.
La veterana Lisa Nascimben mostra la sua esperienza agli staggi ,nonostante la sua attenzione in questo momento sia dedicata alla maturità, e Sara Ricciardi invece, che viene da un periodo difficile dovuto a qualche problema ad una spalla e una caviglia è circa al 50% della sua forma fisica.
Nonostante questo Sara presenta due novità nel suo programma: una ribaltata e doppio salto avanti raccolto al corpo libero e la nuova serie due flick e salto smezzato a trave.

Il tecnico Michel Francia commenta: «Nelle prossime prove apporteremo delle modifiche, punteremo sulla sicurezza degli esercizi e incrementeremo le routine nei nostri punti di forza. Il tredicesimo posto è un buon inizio, data l’inesperienza delle atlete che compongono la squadra e una Ricciardi in una forma non proprio smagliante. So per certo che si potrà solo migliorare!».

IMG_4324

Per quanto riguarda la squadra maschile, il Corpo Libero Gymnastics Team ha schierato in campo gara Alberto Pieri, Giovanni Zillio, Andrea Canazza e il prestito spagnolo Mir Rossello Nicolau.

Una prima parte di gara segnata da tanti errori a sbarra, corpo libero e cavallo con maniglie; la squadra non riesce a esprimersi come potrebbe.
Nella seconda parte di gara i corpoliberini sono invece in ripresa a volteggio, anelli e parallele, dove portano a termine esercizi sicuri e puliti.

Queste le impressioni del tecnico Nicola Costa a fine gara: «Una performance che segue le previsioni: un po’ sottotono Zilio che non riesce a entrare in gara con sicurezza; in fase di ripresa anche il prestito, reduce da una forte influenza; una buona gara per Pieri, che non delude le aspettative. Il dodicesimo posto ci inquadra come una squadra che può puntare a rimanere nelle prime sedici; direi che stare nelle prime otto squadre è un impresa un po’ ardua»

Ora ci saranno circa due mesi alla prossima prova, in cui le squadre avranno di sicuro modo di incrementare il lavoro in palestra, gli esercizi e la forma fisica.

L’appuntamento è previsto per sabato 5 Maggio presso il Forum di Assago di Milano, un palazzetto di tutto rispetto che ci auguriamo di vedere gremito di appassionati e sostenitori.